infinito amore
Esoterismo
» Chi siamo  
» Dove andiamo  
» Esiste L'aldilà;  
» La Bilocazione  
» La Reincarnazione  
» La Spiritualità  
» Gli Spiriti di luce  
» Gli Angeli  
» Il Karma  
» I Fantasmi  
Filosofie spirituali
» La Meditazione  
» La New age  
» Il Buddismo  
» Il Reiki  
»Lo Yoga  
» La Metafonia  
» La Scrittura medianica  
» La Pranoterapia  
I Misteri
» Paradiso e Inferno  
» Il tunnel  
» L'Esorcismo  
» Gli Ufo  
Scritti con amore
» Infinito amore  
» Soffio  
» Poesie  
I miei Siti
» Rosso Veneziano  
» Le Stelle di Mia   
» Mondo Fatato   
» La valle Incantata   
» Artelotto   
paradiso inferno

Parlando dell’aldilà viene spontaneo pensare alle due realtà che sono conficcate nell’immaginario occidentale plasmato da due millenni di cristianesimo:
Inferno e Paradiso.

Hanno ispirato poeti, artisti, pittori lungo i secoli.
Dalla Divina Commedia di Dante al Michelangelo.
Lasciando da parte le fantasiose figurazioni medioevali o rinascimentali, possiamo dire, nel linguaggio di oggi, che la perdita di Dio è l’Inferno che costituisce il fallimento dell’uomo.

La terribile solitudine di chi rifiuta tutto e tutti.
La sofferenza di un rapporto d’amore degenerato in odio, pur essendo creato per essere assimilato a Cristo, l’ha rifiutato.
L’uomo che ha rifiutato Dio, si è estromesso dall’amore e dalla felicità di Dio.
L’Inferno è un pensiero insopportabile che non riusciamo ad accettare soltanto perché ci costringe a prendere sul serio la libertà dell’uomo.

Questa è la vera punizione perché tutto in noi anela a Dio.

Noi siamo stati creati da Dio.
Dio è il nostro punto gravitazionale.

E il Paradiso?

È la comunione e l’unità piena e totale degli uomini con Dio e tra loro, la solidarietà con l’universo rigenerato, l’avventura dell’esplorazione di Dio.

È l’autenticità finale dell’essere umano in tutta la sua grandezza.

Là sarò veramente un uomo, in attesa del martirio.
Là noi saremo finalmente noi stessi.

Il Paradiso è Cristo è l’inserimento pieno, totale, definitivo in Cristo.
È inserirsi nella vita trinitaria, nella conoscenza, nell’amore e nella felicità propria di Dio.

È una dimensione dell’essere.
Partecipare alla dimensione dell’essere divino.
Questa prospettiva è una follia per l’uomo non illuminato dallo Spirito.

Ed è la sola follia che ci salva dall’assurdo di una esistenza senza scopo, senza esito, senza ragione.
L’alternativa è tra l’assurdo e il mistero.
Allora dobbiamo fare della nostra vita, atto di fede.
 
pillole di saggezza
Quando io ti amo e tu mi ami, siamo l'uno come lo specchio dell'altro, e riflettendoci l'uno nello specchio dell'altro, vediamo l'infinito.

~ Leo Buscaglia ~
home home
© 2004-2010-2017Infinito amore - Creation by miaweb | note informative | privacy | contatti | home |